December 12, 2017 +39 333 8075379info@villagrassi.com Via Malvischi, 9 Coreggia fraz. di Alberobello (Ba)
Checkout
0 items £0.00Total view cart
Slide background

ALBEROBELLO, LA CAPITALE DEI TRULLI

Slide background

CASTELLANA, LE GROTTE

Slide background

SAVELLETRI DI FASANO, IL MARE

Slide background

PUTIGNANO, IL CARNEVALE

Slide background

LOCOROTONDO

Slide background

LOCUS FESTIVAL LOCOROTONDO

Slide background

FASANOLANDIA

Slide background
OSTUNI, LA CITTA' BIANCA

Ostuni , La Città Bianca

Ostuni_2aereoLa bellezza di questo angolo del Mediterraneo e l’ospitalità della gente non potranno mai essere racchiuse in queste pagine, auguriamo a tutti i visitatori e gli ospiti di questa terra un soggiorno consono alla bellezza del posto con l’impegno di questa amministrazione a preservare nel tempo i tesori naturali e culturali della città bianca e del suo territorio.

Il Comune di Ostuni (circa 33.000 abitanti) sorge sulle ultime propaggini  della Murgia meridionale. La sua città vecchia, detta La Terra, è inconfondibile l’accecante monocroma colorazione del suo abitato, rigorosamente di bianco. Le case tinteggiate di calce e la peculiare topografia hanno fatto meritare epiteti fiabeschi, come Città Bianca, Regina degli Ulivi, Città Presepe, II nucleo antico – probabile supporto dell’acropoli messapica – è infatti arrampicato sui fianchi scoscesi di un colle e presenta una pianta ellissoidale, chiaramente espressa dalla cinta muraria rafforzata dai torrioni aragonesi. Ne rimangono otto dei quindici originari, come pure buone parti dei baluardi che chiudevano la città medioevale. Ostuni è un affascinante groviglio di stradine anguste e tortuose, un susseguirsi di corti, piazzette e vicoli che un tempo facevano  capo  a  cinque porte che si aprivano nella cinta muraria, munite di torri, piombatoi e bertesche. L’unica vera strada che raggiunge il vertice del “cono” e che divide il centro storico in due parti è via Cattedrale, mentre tutte le altre che lo intersecano sono vicoli ciechi o scalinate strette e ripide. Qui si trovano abitazioni cubicolari, spesso scavate nella roccia, unite da archi e semiarchi che fungono da contrafforti e da sostegno; come pure palazzi che, per gli stemmi gentilizi, i portali e la varietà delle linee architettoniche, con macchie d’ocra dorato ombreggiano l’accecante bagliore del bianco labirinto, Sulla sommità del colle, infine, si erge la Cattedrale, mirabile sintesi di elementi romanici, gotici e veneziani, che domina la Piana degli ulivi secolari fino al mare.

Crocevia dei Popoli

ostuniAbitato fin dalla preistoria, il territorio di Ostuni è occupato intorno al 1000 a. C. da Japigi e Messapi. La città è distrutta da Annibale nella seconda guerra punica, ricostruita dai coloni greci e, nei secoli successivi, occupata da Ostrogoti e Longobardi, Saraceni e Mori, Svevi e Normanni. Nel 1507 viene annessa al ducato di Bari di Isabella d’Aragona. Durante quasi due secoli di dominio spagnolo gli ostunesi tentano più volte di opporsi, finché nel 1799 proclamano la città libera e repubblicana. II congresso di Vienna segna il ritorno dei Borboni, ma anche la fioritura di sezioni della Carboneria e poi della Giovane Italia. Il 26 agosto 1860, a pochi giorni dalla partenza di Garibaldi da Messina, Ostuni – prima città della Puglia – abbatte gli stemmi borbonici e fa sventolare il tricolore.

Il borgo antico

ostuni_centroE’ l’inconfondibile gioiello che dona ad Ostuni la sua pittoresca identità urbanistica. E’ definito dagli ostunesi la Terra. Dipinto solo di bianco, sorge sul colle più alto del territorio urbano. Qui è tutto un moltiplicarsi di piani, di saliscendi, di vicoli e scalette, di aggrovigliate stradine che incrociano archi e piazzette. Sulla sua sommità si stagliano la monumentale Cattedrale e il Palazzo Vescovile.

Contattaci

Non siamo in giro in questo momento. Ma potete inviarci una e-mail e vi risponderemo al più presto.